Chi sono

Classe 1977, laureato in Matematica, faccio il programmatore e vivo a Latina in zona R6. Mi impegno nella diffusione delle nuove tecnologie: l'informatica può far partecipare più cittadini alle scelte dell'amministrazione, ed aiutare le persone a controllare l'operato delle istituzioni, interagendo con esse. In questo blog discutiamo di come portare partecipazione e trasparenza grazie all'innovazione, nella nostra città e nel nostro Paese. Benvenuti!

Caldav4j moved to CircleCI and ships Integration Tests in CI

Caldav4j moved from travis.io to circle.ci. This allowed us to:

– easily running builds locally via `circleci build`
– add integration tests with a custmo baikal image.

This was done with very few changes:

– add a .circleci/config.yml
– limit resource usage on our pom.xml to comply with circleci limits


snippet here

<plugin>
<groupId>org.apache.maven.plugins</groupId>
<artifactId>maven-surefire-plugin</artifactId>
<version>2.22.0</version>
<configuration>

<threadCount>1</threadCount>
<forkCount>0</forkCount>
<argLine>-Dfile.encoding=${project.build.sourceEncoding} -Xmx1024m</argLine>
<useSystemClassLoader>false</useSystemClassLoader>

</configuration>
</plugin>

November 29 2018 | Politica | No Comments » | 724 views

Quick learnings on digital transformation

Quick learnings from this great post of Jennifer Pahlka
* Focus on delivery like the UK’s Government Digital Service (GDS) did. Center the work around the delivery of services to the public and measuring its value by the improvement to real people’s lives. Government is judged by the services it delivers: if a service is poorly designed, inflexible, slow, and unfriendly, the conclusion is that government too is all of these things.

* If it’s harder to sign up for these services than it is to sign up for online banking, that’s a delivery problem.

* The problem is not that we don’t have enough technology in government, or enough investment in technology. What we have too little of is service design, agility, understanding of user needs, and feedback loops.

The waterfall method that produces most deliverables in government “amounts to a pledge by all parties not to learn anything while doing the actual work”. Waterfall processes attempt to avoid failure at all costs, resulting in spectacularly large failures.

* Citing Rahm Emanuel’s words, “never let a crisis go to waste.” Take profit from failures: fail small, fail fast, learn and iterate. Adopt an iterative, user-centered, data driven approaches.

* While you don’t want to wait for changes in law and policy to change procurement practices, you should still initiate those changes. There’s a lot of money at stake. The US spent $2B for a court documents system that never saw the light of day, $900M for a deeply troubled financial system, and so on. Reach out for smaller contracts, but more of them. And they’d get to do more technology and less litigating. (Many people describe the process today as contract, build, fail, sue).

November 06 2018 | Politica | No Comments » | 652 views

Using http proxies in openshift java projects

To use http proxies with java in openshift you should know:

– that tools like maven don’t honor http_proxy & co environment variables
– that each container image has its own build script (assemble) that does or does NOT take http_proxy into account.

Always check the image documentation if you need proxies:

– https://docs.openshift.com/online/using_images/s2i_images/java.html
– https://access.redhat.com/solutions/1758313
– https://access.redhat.com/documentation/en-us/red_hat_jboss_enterprise_application_platform/7.0/html/red_hat_jboss_enterprise_application_platform_for_openshift/configuring_eap_openshift_image#configuring_eap_env_vars

A general and flexible solution is:

– to provide a configuration/settings.xml in your project, eg.

github.com/ioggstream/java-project.git
– pom.xml
– src/
– configuration/settings.xml
– add in settings.xml

openshift interpolates every *PROXY* environment variable stripping stuff, so you may not always be able to do


${env.HTTP_PROXY_HOST}

JBoss images support the following variables via the `assemble` script:

– HTTP*_PROXY_HOST
– HTTP*_PROXY_PORT

Another solution is to:

– get the assemble from the given image you’re using (different images, different assemble)
– customize it so that it uses environment variables to build a custom settings.xml to be used within the build
– add it to .s2i/bin/assemble

Here’s an example assemble supporting proxies https://github.com/ivanthelad/openshift-jee-sample/blob/jws/.sti/bin/assemble

February 25 2018 | Politica | Comments Off on Using http proxies in openshift java projects | 675 views

Smoke testing openshift with ansible-galaxy

The ansible-galaxy ioggstream.ocp_health role can run a smoke test on openshift in minutes:

– etcd consistency
– rhn subscriptions
– master status
– registry, ipfailover and router instances

NOTE: it’s not a replacement of oadm diagnostics 😉

ansible-galaxy install ioggstream.ocp_health
# eventually tweak parameters
# vi /root/.ansible/roles/ioggstream.ocp_health/tests/ocp_health.yml
ansible-playbook –check /root/.ansible/roles/ioggstream.ocp_health/tests/ocp_health.yml

If you want to create a test project with two apps, one with a PVC and one with an ephemeral, set create_test_project.

ansible-playbook -v -e create_test_project=yes /root/.ansible/roles/ioggstream.ocp_health/tests/ocp_health.yml

November 25 2017 | Politica | Comments Off on Smoke testing openshift with ansible-galaxy | 586 views

Brief Openshift troubleshooting

If you have issues after an automagic openshift-on-openstack deployment:

1. Remember: every buildconfig created *before* the registry is not authorized to push the images

2. Remember: hawkular is a java application. Startup is slow. Just click there and wait for the startup

3. Ansible is your friend. To get container logs, just

ansible all -m shell -a ‘ls /var/log/containers/CONTAINER_NAME*’

ansible all -m shell -a ‘cat /var/log/containers/CONTAINER_NAME*’ > CONTAINER_NAME.log

4. If a container don’t startup during the deployment, a broken image may have been downloaded

Jun 1 23:30:36 dev-7-infra-0 atomic-openshift-node: I0601 23:30:36.234103 32913 server.go:608] Event(api.ObjectReference{Kind:”Pod”, Namespace:”default”, Name:”router-1-deploy”, UID:”033670a9-470e-11e7-878f-fa163eac2bf7″, APIVersion:”v1″, ResourceVersion:”936″, FieldPath:””}): type: ‘Warning’ reason: ‘FailedSync’ Error syncing pod, skipping: failed to “StartContainer” for “POD” with RunContainerError: “runContainer: Error response from daemon: {\”message\”:\”invalid header field value \\\”oci runtime error: container_linux.go:247: starting container process caused \\\\\\\”exec: \\\\\\\\\\\\\\\”/pod\\\\\\\\\\\\\\\”: stat /pod: no such file or directory\\\\\\\”\\\\n\\\”\”}”

Cleanup docker repo

docker ps -aq | xargs docker rm
docker rmi 90e9207f44f0 –force

5. Run oadm diagnostics on the master 😉

6. Check #oc get hostsubnet

June 01 2017 | Politica | No Comments » | 804 views

Attenti al costume!

Ad Aurora (USA) un pazzo coi capelli da Jocker ha ucciso 12 spettatori del film Batman. Il soggetto aveva un fucile d’assalto comprato a un banco dei pegni.

La risposta è stata dura e intransigente: vietato mascherarsi all’entrata dei cinema.

July 27 2012 | Politica | No Comments » | 605 views

IMU light? Si ma solo per i costruttori.

Pare che con l’arrivo dell’IMU diversi locali commerciali invenduti si siano magicamente trasformati in box auto. I maliziosi sostengono che il provvedimento faccia risparimare bel po’ di soldi di IMU alle società immobiliari.

Mah, sempre a pensar male….

July 04 2012 | Legalità and Politica | No Comments » | 656 views

Doppi incarichi, le ragioni di Pannone

Giuseppe Pannone è il primo dei non eletti al Consiglio Provinciale. Ma dovrebbe stare nell’assemblea già da qualche anno.

Infatti lo statuto PD non permette doppi incarichi. E in consiglio provinciale siede da tempo un sindaco (Eligio Tombolillo) e da poco un assessore (Enzo Eramo).

Chiaramente non è la poltronite la malattia che affligge due specchiati compagni come Tombolillo ed Eramo. Lo scranno provinciale conta ben poco. Ma la difficoltà di spiegare ai loro cittadini che  Sezze e Pontinia debbano perdere un rappresentante in provincia. Che questo “abbandono” possa essere usato dalla destra contro di loro.

E’ importante però che Enzo ed Eligio dicano ai loro elettori che i nostri consiglieri provinciali – quelli che ne sono rimasti almeno – non credono alle battaglie di campanile, e che avessimo pure un solo eletto  egli rappresenterebbe tutti i territori della provincia, come ogni nostro parlamentare rappresenta l’interesse della nazione intera.

Spero quindi che – a prescindere dalle discussioni delle varie commissioni di garanzia di questi giorni – i nostri compagni diano il buon esempio. E che le travagliate vicende provinciali di questo partito possano finalmente prendere la giusta piega: quella delle regole. Che si discutono, si amano o si detestano. Ma si rispettano.

June 26 2012 | Politica | No Comments » | 810 views

Volunia – oltre la superficie

Volunia è un motore di ricerca lanciato il 6 febbraio da uno dei più stimati informatici italiani, Massimo Marchiori.

La presentazione è andata male:

  • in italiano;
  • iniziata in ritardo;
  • piena di interventi istituzionali;
  • con un problema al proiettore;
  • e una regia pessima.

Buona parte dei commentatori (e dei tweet) imho si è fermata lì. Io vorrei andare un filo oltre.

= Second Life del web =

L’idea di base è che Volunia sia un Second Life del web – che forse sarebbe
meglio implementato DENTRO un browser che come sito framed esterno.

Volunia crea delle sitemap simili a cittadine di sim-city. Le pagine
principali vengono visualizzate come palazzi. Più persone visualizzano una
determinata pagina, più Volunia mostrerà alto il “palazzo” corrispondente.

Questa immagine mostra la sitemap – sopra ogni area del sito è indicato il
numero di utenti attivi.
L’idea alla base quindi non è quella di cercare una keyword su N siti, ma di
aiutare l’utente nella navigazione
.

Altra feature è la possibilità di chattare con altri utenti presenti su quella
pagina e di connettersi con loro (tipo friendship).

Ecco spiegata la similitudine con SL: invece di andare in giro in un mondo
virtuale col nostro avatar, qui si naviga per siti veri entrando in contatto
con persone che condividono i nostri interessi
.

= Mantellini, Pandemia co =

Sono condivisibili tutte le critiche – la grafica, l’epic fail della
presentazione, i risultati del search engine fatti notare da Pandemia (ma è
poi una colpa così grave se il sito di Luca Conti non appare per primo tra i
risultati della ricerca? :P).

Mantellini mette in discussione le basi della ricerca social sentenziando “Un
nuovo Pagerank illuminato non potrà essere composto mediante i consigli dei
nostri amici. Non abbiamo amici abbastanza intelligenti”.

Selezionando gli amici sulle pagine web che ci interessano – anzichè importare quelli reali – potremmo aggirare la perplessità di Mantellini, mentre per quelle di Conti toccherà aspettare un
bel po’ 😉

= Si, ma può volare? =

Volunia potrebbe ritagliarsi un ambito o essere acquisita (eg per la storia delle mappe). Dipende da come si risolveranno questi punti:

* mappe – sono utiil: diventa semplice orientarsi anche su un portale ricco di contenuti come imdb.com. Siti diversi vengono mappati in maniera coerente, evitando lo sforzo di cercare una cosa.

* chat – è  interessante la possibilità di connettersi con altri visitatori di un sito. Attualmente fb ha creato un magma unificante
dove commentare il web, ma richiede che i siti siano integrati col social
network. Altri knowledge aggregator tipo Quora o StackOverflow sono
piattaforme indipendenti 2.0. Credo che questo sia il campo più interessante
dove sviluppare Volunia.

* privacy – è fondamentale capire quante “briciole digitali” gli utenti
saranno disposti a lasciare pur di usare Volunia
. Facebook ha scommesso sul
“tante” e fin’ora ha vinto. Gmail pure. Questo dipenderà dal valore aggiunto
che Volunia riuscirà a generare per gli utenti
(punti 1 e 2).

* costi – a prima vista mi pare che il “gioco” Volunia a livello elaborativo
sia decisamente più pesante di un engine tradizionale. Quanto peserà questa cosa?

* usabilità – grafica bocciata: navigare dentro una finestra non mi pare il massimo. Volunia
starebbe bene come add-on…o come qualcosa di “trasparente” da tirar giù
all’occorrenza (eg. mostra mappa/chat).

February 14 2012 | Comunicazione and Sviluppo | No Comments » | 887 views

Polli vs Pollock – Scherzi di cattivo gusto

Parole sante quelle di Jean Clair – già direttore della biennale di Venezia – sull’arte contemporanea e sul ruolo della  critica d’arte. Ma valgono doppio se vengono da un insider.

La conclusione – applicabile all’arte in generale – è che

Poco importa[va] l’ oggetto: era la sua esposizione, la sua messa in valore, il modo di fotografarlo, le parole per descriverlo che lo facevano esistere, non il suo valore intrinseco

Illuminante la storia della critica – dai “giudici d’arte” dell’età Moderna all’inizio della critica dopo la Rivoluzione Francese. E del parallelismo tra la critica del ‘900 asservita ai regimi e quella attuale imbrigliata dal mercato.

La critica non ha più posto nella divulgazione di un’ arte che è ridiventata un’ arte ufficiale e di culto […]

E poi pure per l’arte “borghese” diviene formalista

quale critico avrebbe osato, negli anni ‘ 30, criticare le forme dell’ avanguardia, che nel frattempo erano diventate delle formule? Chi avrebbe osato criticare la doxa del cubismo,o […] Mondrian? […] il critico [..] era […] colui che forniva le formule, i programmi. Impone le parole d’ ordine, le formule, i manifesti e all’ artista di ubbidire.

…negli anni ‘ 90, quando l’ impostura divenne ancora più evidente, si inventò il termine di “arte contemporanea” […] che fa sì che Jeff Koons sia più “contemporaneo” di Botero – quando in realtà sono entrambi ugualmente kitsch

E la costruzione del mercato dell’arte – basato sulle tre figure: il critico, lo storico e il mercante. Un “italian job” che diviene una macchina consolidata.

Il critico ridiventò [..] il personaggio centrale di questa manipolazione. C’ era bisogno di una operazione […] perché la sua parola assumesse la forza di un dogma [..] aggiungendo […] due figure essenziali: lo storico d’ arte e il mercante. Il mercante è quello che fornisce la mercanzia, lo storico d’ arte colui che ne attesta la provenienza. Al critico non resterà più che autentificarne la qualità e tentare di descriverla con le sue parole.

E quindi mi sento di dire, con tutta la consapevolezza del caso, che le opere di Jackson Pollock sono una cagata pazzesca.

February 12 2012 | Arte | No Comments » | 1,114 views

Next »